Formazione in azienda e come organizzarla

Formazione in azienda e come organizzarla

La formazione in azienda spesso viene vista come mera assoluzione di un obbligo normativo o un plus che l’impresa offre ai suoi collaboratori/dipendenti.
La formazione però è altro. Per un’azienda investire in attività formative, significa intraprendere percorsi di crescita continua che il mercato di oggi esige.
Le aziende che vogliono investire in formazione devono spesso affrontare un grande problema: non si conoscono le reali esigenze dei collaboratori, gli eventi formativi sono spesso organizzati senza il giusto metodo e, naturalmente, la buona riuscita del progetto ne risente.
Prima di vedere nello specifico come riuscire a gestire la formazione in azienda, facciamo un po’ di chiarezza sul tema.

La formazione in azienda

Quando si parla di formazione aziendale si deve fare un distinguo tra formazione obbligatoria e formazione volontaria.
Nel primo caso si intende l’insieme di attività che l’azienda ha l’obbligo di intraprendere per poter essere in linea con la normativa vigente (ad esempio D.Lgs. 81/2008), mentre per formazione volontaria, anche detta facoltativa, s’intende l’insieme di attività formative che non rientrano nel campo dell’obbligatorietà (ad esempio corsi per migliorare la lingua inglese).
Le due anime, che compongono il concetto di formazione aziendale, hanno un tratto comune: rappresentano un vero e proprio investimento aziendale.
Se da un lato fare formazione significa rispettare la legge, dall’altro organizzare corsi di formazione significa investire sull’individuo e sul valore della propria azienda.
Le aziende che vedono la formazione nella sua sola veste obbligatoria stanno infatti sottovalutando il grande ritorno sull’investimento derivante da un personale formato e al passo con i tempi.
Investire nello sviluppo individuale migliora l’operatività e la produttività dell’azienda, aumentando il valore delle singole risorse.

Organizzare la formazione in azienda

I processi formativi sono dunque fondamentali nell’ecosistema aziendale, vediamo insieme come riuscire a pianificarli.

1. Capire le esigenze

Il punto di partenza obbligatorio per un qualsiasi intervento formativo è capire il reale bisogno dei nostri interlocutori. Le aziende sono un composto eterogeneo di individui e pianificare un’attività formativa significa anche saper cogliere le differenze che derivano da questa miscellanea, ad esempio, cosa preferisce il nostro collaboratore: un corso online o un evento in presenza?
Raccogliere questo tipo di informazioni è essenziale per poter organizzare una formazione efficace e sempre pertinente. Vi sono dei software che fanno al caso nostro: in pochi semplici click si potranno creare dei sondaggi, questionari di gradimento e raccogliere le informazioni utili di cui abbiamo bisogno per riuscire a pianificare al meglio la nostra attività formativa.
Sia che si tratta di formazione obbligatoria o volontaria, una buona analisi dei bisogni ci aiuta a fare centro.

2. Pianificazione attività

Una volta capito di cosa hanno bisogno i nostri dipendenti si può pianificare l’attività formativa. Molte aziende basano l’attività formativa sullo scambio di mail. Questa modalità rischia di essere una perdita di tempo oltre a generare confusione.
In questo caso dotarsi di un software capace di gestire gli inviti, gli eventuali solleciti, la conferma e rifiuto partecipazione da parte del dipendente, è il primo passo per poter organizzare al meglio l’evento. I migliori software permettono inoltre di gestire queste operazioni da un unico strumento, evitando interruzioni nel flusso comunicativo.

3. Valutazione risultati

Terminato l’evento formativo è necessario valutare i risultati ottenuti. Anche in questo caso, come nel precedente, avere uno strumento capace di raccogliere le informazioni sull’andamento delle attività formative ci consente di migliorare la pianificazione futura. È essenziale quindi raccogliere dei dati durante l’attività formativa (questionari di gradimento, di valutazione, registro presenze, etc…) la cui analisi permetterà di pianificare al meglio le attività formative successive.
Per il nostro collaboratore è importante sapere sempre a che punto si trova la sua formazione e avere una panoramica generale dei percorsi formativi svolti e da svolgere. È importante quindi fornirgli uno storico che gli permetta di monitorare in tempo reale il suo percorso di crescita.

Scopri le soluzioni Alloy per la formazione digitale delle Risorse Umane. Basteranno pochi semplici click per organizzare la tua formazione.

 

About the Author

Comments are closed.